L'organizzazione del servizio G.E.V.

 

Le guardie ecologiche volontarie ( G.E.V.)

Le Guardie Ecologiche Volontarie sono persone dedite al volontariato, dotate di una particolare sensibilità, che hanno deciso di condividere con le istituzioni l'etica della corresponsabilità dello sviluppo dedicandosi alla protezione dell' ambiente inteso come contesto delle risorse naturali e delle stesse opere più significative dell' uomo protette dall' ordinamento perché la loro conservazione è ritenuta fondamentale per il pieno sviluppo della persona. L' ambiente è una nozione, oltre che unitaria, anche generale, comprensiva delle risorse naturali e culturali, veicolata nell' ordinamento del diritto U.E.". Dunque, le G.E.V. rappresentano una figura di volontario atipica, si tratta infatti di volontari inseriti direttamente in un ente, largamente autonomi, come tutti i volontari aspirano ad essere, ma integrati con l' ente ed in equilibrio con esso. 

 

 

 

 

Le funzioni

La promozione dell' informazione è il primo dei precetti ed il primo dei compiti del Servizio Volontario di Vigilanza Ecologica: informazione volta al cittadino ed agli amministratori locali, riguardanti la legislazione ambientale e norme che regolamentano la salvaguardia dell' ambiente e lo tutelano. L' obbiettivo primario è promuovere, a cominciare dalla scuola, dove la coscienza dei cittadini comincia a formarsi, atteggiamenti che assumano l' ambiente nel suo complesso come un valore fondamentale della vita stessa dell' uomo sul pianeta. Il Servizio Volontario di Vigilanza Ecologica, inoltre, concorre tramite le G.E.V. direttamente ed attivamente alla protezione dell' ambiente, specialmente di quello naturale, vigilando, segnalando agli organi competenti presunte irregolarità e quando necessario, accertando violazioni alle leggi che lo tutelano e che ne regolamentano lo sfruttamento. Non va inoltre dimenticata la terza funzione del Servizio Volontario di Vigilanza Ecologica, ovvero quella prevista dalla legge, di "offrire la propria disponibilità alle autorità competenti per collaborare in opere di soccorso in caso di pubbliche calamità o di disastri di carattere ecologico".

L' organizzazione territoriale G.E.V.

Il territorio di competenza della Provincia di Brescia comprende tutti i comuni della provincia non appartenenti a comunità montana. Al fine di rendere più efficaci e di razionalizzare le attività delle G.E.V. che vi si esplicano esso è stato suddiviso in due ambiti territoriali denominati rispettivamente A1 e A2. 

 

Le attività
Nel corso degli anni, il Servizio Volontario di Vigilanza Ecologica è stato presente con costanza sul territorio affiancando e coadiuvando le istituzioni in una capillare opera di tutela dell' ambiente. Sono state segnalate agli enti ed agli organi competenti numerosissime situazioni non conformi alla vigente legislazione, a esempio: l'uso di erbicidi lungo argini e scarpate di corsi d'acqua o di strade, lo smaltimento o l'abbandono di rifiuti nei luoghi più disparati, lo scarico di liquami di allevamenti animali in corpi idrici superficiali, la raccolta di specie di flora spontanea protetta e quant'altro abbia attinenza con comportamenti illeciti che alterino l'equilibrio ambientale.

Il Servizio Volontario di Vigilanza Ecologica collabora da sempre con gli insegnanti di numerosi istituti scolastici al fine di predisporre e realizzare progetti di didattica naturalistica finalizzati alla formazione di una coscienza ecologica nuova, alla scoperta ed alla conoscenza, da parte degli allievi, dell'ambiente naturale. Per questo le G.E.V. mettono volentieri a disposizione il proprio tempo, le proprie capacità, le proprie competenze ed anche, quando necessario, i propri mezzi e le proprie attrezzature. Alcuni progetti, si vedano gli esempi della siepe didattica e dello stagno realizzati presso la scuola media " Divisione Tridentina " di Brescia, rimangono costantemente aperti ed è possibile che siano utilizzati, con l' ausilio delle G.E.V., quali supporti didattici alle attività naturalistiche alle quali prima si è accennato, anche da parte di insegnanti di classi di scuole diverse.

Nel corso degli anni, inoltre, sono state consolidate in collaborazione con altri enti o altri organismi o gruppi, attività periodiche di rilevamento e di salvaguardia ambientale. A titolo puramente esemplificativo si ricordano le attività più significative dal punto di vista naturalistico: censimento degli alberi monumentali e delle zone umide residuali della pianura da sottoporre a tutela censimento annuale degli uccelli acquatici svernanti sul Lago di Garda, salvataggio delle popolazioni di anfibi annualmente migranti per la riproduzione nel lago di Idro e provenienti dalle vicine montagne.
Sono stati anche eseguiti interventi di soccorso durante le calamità naturali che hanno colpito in tempi diversi le diverse regioni d' Italia: frana in Valtellina, esondazioni in provincia di Alessandria, sisma nelle regioni di Marche e Umbria, in occasione del quale le G.E.V. della Provincia di Brescia si sono particolarmente distinte ed hanno ottenuto, quale riconoscimento ufficiale per il loro particolare impegno e per l' opera prestata, un diploma di benemerenza con medaglia dal Ministero dell' Interno.
 

 Come si diventa guardia ecologica volontaria
Dal punto di vista formale le G.E.V. possono operare solo quando sono in possesso del decreto regionale di incarico e dell' ordine di servizio regolamentare. Il decreto regionale di incarico si ottiene, una volta compiuta la maggiore età, frequentando il corso di formazione organizzato da uno degli enti che gestiscono il servizio: Province, Comunità Montane, enti gestori di Parchi regionali, città capoluogo di provincia. L'aspirante G.E.V. deve poi superare un esame di una commissione regionale ed ottenere dalla Prefettura competente per territorio il decreto di guardia particolare giurata. Dopo tutto questo la G.E.V. è legittimata all' esercizio delle sue funzioni, durante le quali le sono riconosciute le qualifiche di pubblico ufficiale e di agente di polizia amministrativa.

 

 

Ultima modifica: Mar, 03/03/2015 - 10:30