Monitoraggio del traffico

Il sistema di monitoraggio del traffico della Provincia di Brescia è costituito da 47 sezioni stradali poste lungo la rete provinciale e statale del territorio provinciale, attrezzate permanentemente con spire ad induzione magnetica collegabili a strumenti di misura per il rilievo dei flussi di traffico (quantità e lunghezza dei veicoli) e delle velocità veicolari, per periodi continuativi di dieci giorni, quattro volte l'anno. L’unica eccezione è costituita dalla postazione della Tangenziale Sud di Brescia, in cui il rilievo si effettua, salvo problemi agli strumenti, tutti i giorni, con un sistema a microonde.
I dati relativi ai flussi di traffico costituiscono informazioni essenziali nella valutazione degli interventi manutentivi, di adeguamento o sviluppo della rete infrastrutturale, oltre che nella valutazione dell'opportunità di iniziative di carattere amministrativo.

 

STRUMENTI DI RILIEVO
La Provincia di Brescia utilizza per il rilievo dei flussi veicolari strumenti Marksman 680 di Famas System (Ora, Bolzano), apparecchiature alimentate a batteria e gestibili da PC, collegabili a spire ad induzione elettromagnetica inserite nella pavimentazione stradale. La spira induttiva è ottenuta con tre giri di filo disposti secondo una forma quadrata (con lato di 2 m) ed è alloggiata all'interno di solchi (con profondità di 7 cm) praticati nella pavimentazione stradale per mezzo di una fresa.


FUNZIONAMENTO DELLE SPIRE
Una singola spira installata su una corsia stradale consente la misura della portata veicolare sulla base del seguente principio di funzionamento. La corrente elettrica fornita da un generatore a batteria (di cui è dotato l'apparecchio di misura) attraversa il filo costituente la spira, generando un campo magnetico. Quando la massa metallica di un autoveicolo transita sulla spira si verifica una variazione di questo campo magnetico riducendo l'intensità della corrente circolante nella spira. Questa variazione produce un segnale elettrico (che dura per tutto il tempo di permanenza del veicolo nella zona di rilevazione) consentendo così la segnalazione della presenza del veicolo e quindi il conteggio. L'apparecchio registratore è dotato di un timer interno per cui il conteggio può essere tradotto in portate veicolari su prefissati intervalli di tempo. La Provincia di Brescia ha stabilito quest'ultimo parametro in modo che lo strumento registri i dati di flusso ad intervalli orari. È opportuno precisare che il tempo di occupazione da parte di un veicolo della zona di rilevazione dipende dalla lunghezza del veicolo stesso, nonché dal suo tempo di passaggio. Se con una sola spira si misurano la portata veicolare, il tasso di occupazione e la densità, con due spire induttive disposte su una stessa corsia è possibile risalire alla velocità istantanea dei veicoli in transito.

 

ERRORI
I vantaggi della tecnica di rilevamento con spire induttive risiedono nella facilità di installazione dei sensori e nel costo contenuto, imputabile in massima parte ai lavori di installazione. Questa tecnica di misura può comportare, tuttavia, una certa distorsione dei dati; infatti le spire conteggiano accuratamente i veicoli viaggianti ad alta velocità, ma generano errori considerevoli nei casi di basse velocità o di veicoli in fase di arresto.

 

CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DELLE SEZIONI DI RILIEVO
Il rilevamento interessa le principali direttrici di traffico lungo la viabilità provinciale e statale, incluse le sezioni ai confini provinciali, in coordinamento con le Amministrazioni provinciali confinanti. Ai fini dell'individuazione delle sezioni sono stati utilizzati anche i dati della matrice origine-destinazione ISTAT 2001, valutando l'applicabilità dei risultati derivanti dall'indagine alla possibilità di sviluppare modelli matematici di simulazione del traffico.

 

(I documenti pubblicati sono disponibili anche nella sezione "allegati" in fondo alla pagina) 


LOCALIZZAZIONE DELLE SEZIONI DI RILIEVO

 

CLASSI DI LUNGHEZZA VEICOLARE
In ciascuna sezione, per ciascun senso di marcia e per ogni corsia veicolare i veicoli transitanti sono distinti sulla base della lunghezza in diverse classi.

 

Ai fini dell'omogeneizzazione delle diverse componenti di traffico in funzione dell'ingombro dinamico, esistono coefficienti utilizzati dall'ANAS per la correlazione delle diverse tipologie di veicolo ad una unità equivalente (a cui è assegnato un coefficiente unitario).

 

Per tenere conto del maggior impatto dei mezzi pesanti in ambito urbano, per i coefficienti di omogeneizzazione si possono adottare valori leggermente superiori a quelli normalmente utilizzati negli studi sul traffico in ambito extraurbano. Possono inoltre distinguersi i ciclomotori dalle motociclette, adottando per queste ultime un coefficiente di equivalenza pari a 0,8.

 

CLASSI DI VELOCITÀ
Gli stessi flussi veicolari sono distinti secondo sei classi.

 

PERIODI DI RILIEVO
In ciascuna sezione il rilievo viene ripetuto quattro volte nel corso dell'anno (uno per stagione). La durata dell'indagine è di dieci giorni continuativi, comprensivi di un solo fine settimana. Tra due successivi rilievi intercorre un periodo di almeno un mese. La Provincia di Brescia ha cura nell'evitare periodi caratterizzati da condizioni di traffico "atipiche", quali festività, variazioni negli orari scolastici, eventi speciali e occasionali (fiere, manifestazioni sportive, ecc.), verificando l'assenza di fattori di perturbazione (cantieri stradali, incidenti stradali, ecc.).


MODALITÀ DI CONSULTAZIONE E RICHIESTA DATI
Agli uffici tecnici della Provincia di Brescia è possibile inoltrare richiesta di massimo 2-3 tabelle dati, inviando al seguente indirizzo di posta elettronica una domanda che contenga i seguenti dati:
- nome e cognome del richiedente
- denominazione dello studio professionale o dell'ente richiedente
- indirizzo e numero di telefono
- motivazione della richiesta
- Codice della sezione (come indicato nell'elenco sopra riportato) ovvero tratta di interesse (indicando la progressiva chilometrica o i comuni)
- Eventuale specificazione sui dati di interesse/quesiti

La domanda deve essere inoltrata all'indirizzo: lzavanella@provincia.brescia.it

Gli uffici, che si trovano in Piazza Tebaldo Brusato n. 20 a Brescia, inviano i dati richiesti per posta elettronica in formato pdf.


DATI SULLA MOBILITÀ
Mentre i flussi rilevati alle sezioni forniscono informazioni sull'entità e la composizione del traffico, l'indagine origine-destinazione svolta nel 2014 dalla Regione Lombardia rende conto degli spostamenti, dando indicazione della provenienza dei veicoli, della relativa destinazione, della motivazione del viaggio, oltre che a numerose altre informazioni (occupazione dei veicoli, modalità di sosta in origine e in destinazione, ecc.).

http://www.trasporti.regione.lombardia.it

 

Allegati

Localizzazione cartografica delle postazioni di monitoraggio del traffico

Note: LOCALIZZAZIONE DELLE SEZIONI DI RILIEVO

Tabella localizzazione delle sezioni di rilievo

Note: LOCALIZZAZIONE DELLE SEZIONI DI RILIEVO

Tabella classi di lunghezza veicolare

Note: CLASSI DI LUNGHEZZA VEICOLARE

Tabella coefficienti Anas

Note: CLASSI DI LUNGHEZZA VEICOLARE

Tabella classi di velocità

Note: CLASSI DI LUNGHEZZA VEICOLARE

Ultima modifica: Mer, 04/11/2015 - 10:58