Ispettorato Provinciale dell'Alimentazione - Azienda di Stato per gli Interventi nel Mercato Agricolo (AIMA)

L'istituzione degli Ispettorati provinciali dell'alimentazione fu sancita dalla legge n. 199 del 6 marzo 1958 in virtù della quale nacquero contemporaneamente anche gli Ispettorati compartimentali dell'alimentazione con competenza regionale o interregionale. Tale legge attribuiva al Ministero dell'agricoltura e delle foreste la gestione della materia alimentare. Gli ispettorati provinciali dell'alimentazione subentravano alle preesistenti Sezioni provinciali dell'alimentazione.
L'Ispettorato provinciale dell'alimentazione aveva competenze nell'ambito del servizio economico-statistico (indagini e statistiche di prezzi e consumi dei principali generi alimentari), sovrintendeva al controllo dei prezzi vincolati di pane, latte e zucchero, gestiva l'erogazione dei contributi europei destinati agli olivicoltori e agli agricoltori per l'integrazione del prezzo di olio e grano
I pagamenti, ai sensi del decreto legge n. 912 del 9 novembre 1966, erano, invece, effettuati dall'Azienda di Stato per gli interventi nel mercato agricolo, in sigla A.I.M.A.
Ai sensi del D.P.R. 24 luglio 1977 n. 616 fu stabilito che le competenze degli Ispettorati dell'alimentazione passassero alle Regioni.

La documentazione consiste esclusivamente in registri di protocollo della corrispondenza.

Consistenza dell’archivio: registri 63
Estremi cronologici: 1946-1970

 

Ultima modifica: Gio, 07/06/2018 - 15:23